.
Annunci online

b-rightful
sii retto, chiarissimo


Diario


27 febbraio 2010

river man (Songs)

 
I see your eyes light up like fire
It's medicine to me
But as the hunted live their lifes
You're keeping out of reach
So I keep running, falling
Till I reach the water
Run with me holyman
But when I reach out
I find I'm standing right beside her
Now we're living
Blessed with all the thunder in the world
Now, should you ask me to come home
To wake up from the sleep
Like a boat inside a storm
Is there no hope for me?
So I keep running, falling
Wade into the water
Run with me riverman
But when I reach out
I find I'm standing right beside her
Now we're living
Blessed with all the thunder in the world
So I keep running, falling
Till I reach the water
Run with me holyman
But when I reach out
I find I'm standing right beside her
Now we're living
Blessed with all the thunder in the world


[River man by David Sylvian ; Gone to Earth ; 1986]


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. david sylvian me river man

permalink | inviato da b-rightful il 27/2/2010 alle 12:34 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


17 febbraio 2010

nei miei panni (Diario)

   

                                You'll stumble in my footsteps
                       Keep the same appointments I kept
                         If you try walking in my shoes
                         If you try walking in my shoes 
               
Try walking in my shoes !!!!!


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. me

permalink | inviato da b-rightful il 17/2/2010 alle 14:58 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


21 gennaio 2010

scusate l'assenza (Diario)

Scusate l'assenza, ma sono stato molto
impegnato a causa di gravi problemi
familiari (mio padre si è fatto tre settimane
di H) che spero si attenuino presto. Questa
situazione era peraltro ben indicata nella
mia recente scorsa rivoluzione solare base
(stellium in IV@ Casa e altri dis-astri vari).
Al proposito, e più in generale sui rischi
connessi alle previsioni astrologiche,
credo scriverò presto un breve post con
alcune mie considerazioni recenti.
A presto.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. me rivoluzione solare

permalink | inviato da b-rightful il 21/1/2010 alle 12:24 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


19 dicembre 2009

Acrilico nr. 5xx per il W-e (Diario)


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. arte me

permalink | inviato da b-rightful il 19/12/2009 alle 17:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


11 dicembre 2009

18mo grado del Sagittario (Riflessioni)

 
Per restare ancora in tema di Astrologia,
possiamo notare che i giorni di Dicembre
a cavallo del 10
vedono il Sole percorrere
il grado diciottesimo del Sagittario
(nello
lo Zodiaco Tropico; al proposito ho notato
che i simboli dei gradi hanno dei riscontri
migliori se si considera la Longitudine
Tropicale e non quella Siderale dei
significatori astrologici).

Ma qual'è l'immagine-simbolo che si lega
a questo grado secondo il Calendario
Tebaico?

"Un uomo regge una civetta con la mano
sinistra ed una torcia con la destra
".

Simbolo di una volontà di portare luce
spirituale senza dimenticare le istanze
dell'occulto e del lunare, la simbologia
ben corrisponde ad alcuni eventi che
hanno visto la luce sotto gli influssi di
quel grado.
Ad esempio, la firma della
Dichiarazione
Universale dei Diritti dell'Uomo
, e la
nascita del mistico
Osho (nato l'undici,
ma con il Sole a 18° 3' del Sagittario).


10 dicembre 2009

Gemelli astrali (Diario)

Oggi, come me, compie gli anni Brian Molko


27 novembre 2009

la mia scorsa incarnazione per il W-e (Diario)


7 novembre 2009

5 nets per il W-e (Diario)


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. arte me b-rightful

permalink | inviato da b-rightful il 7/11/2009 alle 16:40 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


12 luglio 2009

il tempo.....passa, ma la forma resta (Diario)

le "clessidre" di Tancredi.........



.....e le mie




LIFE..............MOVES IN MYSTERIOUS WAYS


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. tancredi me arte pastlives u2

permalink | inviato da b-rightful il 12/7/2009 alle 12:17 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


16 maggio 2009

past life II (Post-i a fondamento)



"
Ci si risveglia ancora in questo corpo attuale
dopo aver viaggiato dentro il sonno.
L'inconscio ci comunica coi sogni
frammenti di verità sepolte:
quando fui donna o prete di campagna
un mercenario o un padre di famiglia.

Per questo in sogno ci si vede un pò diversi
e luoghi sconosciuti sono familiari.
Restano i nomi e cambiano le facce
e l'incontrario: tutto può accadere.
Com'era contagioso e nuovo il cielo
e c'era qualche cosa in più nell'aria...
"

[ Caffè della Paix ; Franco Battiato ; 1993 ]



Somiglianze..........





............nella prima foto mi sono
abbastanza
"ri-visto"



"Per l'anima non vi è nascita nè morte.
La sua esistenza non ha avuto inizio nel
passato, non ha inizio nel presente e non
avrà inizio nel futuro. Essa è non nata,
eterna, sempre esistente e primordiale.
Non muore quando il corpo muore."

                       [ Bhagavad-gita 2:20 ]




"Stranezze"...........

La seconda delle cosiddette "lettere della follia" di
Nietzsche spedita a Burckhardt il 5 gennaio 1889:

"Caro signor professore,
alla fine sarei stato molto più volentieri professore
basileese che Dio; ma non ho osato spingere così
lontano il mio egoismo privato, da tralasciare, per
causa sua, la creazione del mondo. Lei vede,
bisogna fare sacrifici, come e dove si viva. Tuttavia,
mi sono riservata una piccola camera da studente
che si trova di fronte al Palazzo Carignano (nel
quale sono nato come Vittorio Emanuele) e oltre a
ciò permette di sentire, dal proprio tavolo di lavoro,
la magnifica musica nella Galleria Subalpina.........
....Quel che è spiacevole e nuoce alla mia modestia
è che io, in fondo, sia ogni nome nella storia......."
 
........io la trovo una lettera, ehm, chiarissima



"Come cogliere la falsità della morte? Pensiamo
a una goccia d'acqua che vive nell'oceano: quando
evapora, le altre gocce la credono morta, eppure
continua a esistere nelle nuvole ed è destinata
a ricadere fra le onde. Ma come faranno le altre
gocce a saperlo senza compiere esse stesse quel
viaggio?
"

"
se una persona si prepara con tutta se stessa,
la morte diventa un'esperienza meravigliosa, il
fenomeno più prezioso. Perché solo con la morte
il centro della vita si manifesta nella sua gloria".

            [ "L'immortalità dell'anima" ; Osho ]

Affinità di frequentazioni......cittadine

 

Nietzsche definì Torino, luogo in cui scrisse la
sua ultima opera,
Ecce Homo, "una via spirituale
per l'Oriente
".
Che libro, ragazzi. :)

.............e marine

"La mattina andavo verso Sud, salendo per la
splendida strada di Zoagli, in mezzo ai pini.
Con l'ampia distesa del mare sotto di me."

                                   Friedrich Nietzsche
  [ fonte Wikipedia ]



A Portofino, il Nostro, dedicherà una poesia:

"
Qui siedo in attesa - in attesa? Ma di nulla,
al di là del bene e del male, e non più bramoso
della luce che dell’oscurità,
del meriggio amico
e amico dell’eternità
"

 
                                 Friedrich Nietzsche

 [ archivio storico Corriere della Sera.it ]


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. me nietzsche past lives reincarnazione

permalink | inviato da b-rightful il 16/5/2009 alle 7:6 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


14 maggio 2009

right left (Songs)


"
Ecco l'agnello di Dio che toglie i peccati del mondo
Disse la ragazza slava venuta allo sprofondo
Disse la ragazza africana sul raccordo anulare
Ecco l'agnello di Dio che viene a pascolare
E scende dall'automobile per contrattare

Ecco l'agnello di Dio all'uscita dalla scuola
Ha gli occhi come due monete
il sorriso come una tagliola
Ti dice che cosa ti costa, ti dice che cosa ti piace
Prima ancora della tua risposta ti dà un segno di pace
E intanto due poliziotti fanno finta di non vedere

Oh, aiutami a fare come si può
prenditi tutto quello che ho
Insegnami le cose che ancora non so, non so
E dimmi quanto maschere avrai
e quanto maschere avrò

Ecco l'agnello di Dio vestito da soldato
con le gambe fracassate
con il naso insaguinato
Si nasconde dentro la terra
tra le mani ha la testa di un uomo
Ecco l'agnello di Dio
venuto a chiedere perdono
Si ferma ad annusare il vento
ma nel vento sente odore di piombo

Percosso e benedetto
ai piedi di una montagna
Chiuso dentro una prigione
braccato per la campagna
Nascosto dentro a un treno
legato sopra un altare
Ecco l'agnello di Dio che nessuno lo può salvare
Perduto nel deserto, che nessuno lo può trovare
Ecco l'agnello di Dio senza un posto dove andare
Ecco l'agnello di Dio senza niente da mangiare
Ecco l'agnello di Dio senza un posto dove stare

Oh, aiutami a stare dove si può
e prenditi tutto quello che ho
Insegnami le cose che ancora non so, non so

E dimmi quante maschere avrai
regalami i trucchi che fai
insegnami ad andare dovunque sarai, sarò

E dimmi quanto maschere avrò
Se mi riconoscerai
dovunque sarò, sarai"

[ Francesco de Gregori ; L'Agnello di Dio ;
Mix - Disc 2 ; 2003 ] 


12 maggio 2008

il danno e la beffa (Diario)



La giornata mondiale di una malattia che
non ha causa, nè diagnosi, nè cura certa.
Che ti rende un demente da giovane, a
volte anche un poco pazzo, un ipocondriaco
agli occhi degli altri, e ben che vada un
depresso cronico, perchè proprio di Kronos,
forse, ti sei stancato. Da cui si esce di
rado del tutto e da cui penso alcuni siano
fuggiti di brutto. Signori e signore, la
sindrome da affaticamento cronico.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. cfs sindrome affaticamento cronico me

permalink | inviato da b-rightful il 12/5/2008 alle 12:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa


10 marzo 2007

Le mie stelle fisse - parte quarta: conclusioni (Riflessioni)

Cosa concludere da tutto quanto detto?

La prima e più importante cosa che si può
dire è che tutte le Stelle descritte possono
avere una doppia lettura: da un lato, infatti,
esse influenzano facoltà, aspetti e sfere del
mio essere e della mia vita (ad es., Mercurio
governa l'intelligenza pratica), ma dall'altro,
in
analogia coi significati simboleggiati dai
vari significatori ad esse congiunti (pianeti,
case), rappresentano e ritraggono con i
loro tratti tutto
il mondo che ruota intorno
a me: parenti, amici, amate, coniugi (a tal
proposito esiste una interessante teoria
secondo la quale la settima casa
simboleggerebbe le caratteristiche del
coniuge in generale, ma in particolare quelle
del primo, mentre quelle che la seguono -
ottava, nona e via dicendo - quelle di
eventuali altri coniugi che lo dovessero
seguire in conseguenza di più matrimoni),
nemici, collaboratori, falsi amicifornitori
di servizi e seguaci, colleghi e vicini, etc.
Questa regola
non riguarda in particolare
l'interpretazione
delle Stelle Fisse, ma si
applica a quella del
tema in generale, come
sa ogni buon
astrologo.

In secundis, vorrei sottolineare come una tale
ricchezza di congiunzioni dei più importanti
elementi del tema con stelle fisse di primaria
importanza - ben 6 di prima grandezza7 di
seconda e 12 di terza, per un totale di 25
-
sia una circostanza molto eccezionale.

Infine, se volete verificare i dati, io sono
nato a Torino il 10/12/66 alle ore 13.10


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. astrologia stelle fisse me

permalink | inviato da il 10/3/2007 alle 20:15 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


4 marzo 2007

Le mie stelle fisse - parte terza: minor stars (Riflessioni)



Bene, passo ora ad analizzare le
stelle fisse
"meno importanti" del mio tema. Esse si
possono dire tali perchè sono congiunte alle
cuspidi delle case non angolari (bensì
succedanee oppure cadenti) oppure ai
nodi
lunari
, o ancora, ai punti fittizi dell'oroscopo,
oltre ad essere, magari, di magnitudine
grande. In realtà non è del tutto vero che
siano minori poichè, ammettendo che le
stelle
poste negli angoli maggiori siano più
influenti, ciascuna casa della carta natale
governa e si riflette in un certo aspetto
della vita del soggetto, quindi se vogliamo
scoprire dei dettagli su questa particolare
sfera dovremo guardare alla cuspide (il
grado
inziale) della relativa casa (ad es. se
vogliamo scoprire dei dettagli sui beni e le
finanze del soggetto dovremo guardare alla
casa II). Discorso a sè, poi, per quanto
concerne i nodi lunari, elementi di difficile
e contaddittoria interpretazione, più
studiati dagli Indiani e legati all'astrologia
evolutiva. Infine le parti arabe, codificate
dagli astrologi arabi, hanno dei significati
molto ben definiti (ad es. la sorte o il punto
della vittoria/del trionfo, quello del
Sole/del
Demone/della Religione) che però vanno a
sovrapporsi alle sfere
semantiche
coperte
da altri elementi significatori
richiedendo
una difficile opera di sintesi
e mediazione
(ci vuole tanto Giudizio per interpretare un
tema). Dopo questa "breve" premessa,
passo ad elencarle.
Esse sono 17
e precisamente:

ALAMAK congiunta a Rahu o
Nodo Lunare
Nord/Ascendente
[
punto fittizio detto in
greco anabibazon e in latino attollens,
evehens producens - avendo il
senso di
far salire in alto, promuovere e produrre -
e
significante il dominio, la fortuna e gli
averi; rappresenta brame e desideri, anche
con ossessioni compulsive, potere e
successo
mondano, cioè l'aggrappamento
ai benefici
materiali che danno una felicità
illusoria, in quanto impermanente,
insoddisfacente e vacua; essendo Rahu di
natura accrescitiva, quando è con un astro
benefico ne aumenta la beneficità, mentre
quando è con gli astri malefici ne aumenta
la malignità; d
etto per inciso, data la loro
capacità durante le eclissi di oscurare il
Sole,
attorno al quale ruotano
tutti i pianeti,
e la Luna, che controlla la vita sulla terra
,
Caput (Rahu) e Cauda Draconis (Ketu)
sono
considerati in India le massime
potenze dello Zodiaco; essi rappresentano
la Legge Cosmica cui tutti, inclusi il Sole e
la Luna,
devono obbedire] intorno a 14° del
Toro.  Magnitudine: 2.3   Natura:
Venere
Questa stella ternaria arancione, verde e
blu è Gamma Andromeda. "Di natura
venusiana, dà onore, eminenza e
abilità
artistica
". Inoltre, è supposta dare "una
natura allegra, amante dei cambiamenti,
dei diversivi e del divertimento. La
popolarità di queste persone porterà (loro)
dei benefici dagli altri". La costellazione
cui appartiene, d'altro canto, "dà
amore
coniugale
e riconcilia gli adulteri".

MENKAR congiunta a Rahu o
Nodo Lunare
Nord/Ascendente
(vedi sopra) intorno a
14° del Toro. Magnitudine:
2.8
Natura:
Saturno
Menkar o Menkab, è "una stella arancione
chiaro situata nella mascella della balena
o mostro marino Cetus (Alpha Cetus).
La costellazione di appartenenza è detta
causare "pigrizia e oziosità, ma conferisce
una natura emozionale e caritatevole,
con
abilità di comando, specie in guerra. Rende
amabili, prudenti." Tuttavia "questa stella
ha un carattere saturnino, corrispondente a
impedimenti di vario tipo, preoccupazioni e
prove di resistenza (se penso alla mia
C.f.s :-). Ingiustificati nemici
 induriscono e
forgiano queste persone in alcuni modi".
Cosicchè, per il Robson, tutto questo può
anche portare a "malattia, disgrazia
e
perdita di fortuna". Infine,i nativi soggetti
a questa stella "devono evitare di sforzare
troppo la loro laringe".

Alamak e Menkar, queste due stelle così
diverse, insistono sullo stesso punto del
tema e vanno quindi
contemperate nei
significati e
presagi.

ALDEBARAN congiunta alla cuspide della
III Casa (casa sociale significatrice di
vicini
e fratelli, brevi spostamentiscritti del
soggetto) intorno a 9° dei Gemelli.
Magnitudine: 0.8
Variabile. Natura: Marte
Questa stella, Alpha Taurus è "una stella
rosa pallido che segna l'occhio sinistro
della costellazione del Toro". "Il termine
arabo Al Dabaran", da cui deriva, "significa
seguace", mentre "quello latino
Oculus
Tauri
e l'inglese arcaico Bull's Eye" stanno
per Occhio
del Toro (che per gli inglesi
simboleggia "il centro del bersaglio, che
usualmente porta il punteggio più alto" e
"un conseguimento preciso o altamente
efficace"). Aldebaran ha un ruolo e una
importanza molto grandi nel Cosmo, infatti
questo "grande gigante rosso" è "uno dei
quattro Guardiani del Cielo - sentinelle che
sorvegliano le altre stelle", e precisamente,
tra le quattro stelle reali Persiane, essa è
"l'Osservatore dell'Est". "Queste erano
anche chiamate stelle Arcangelo" e
Aldebaran era "Michele - Comandante
Militare dell'Armata Celeste". Dagli Indù
essa "era anche conosciuta come
la Stella
dell'Ascesa
", mentre "gli Ebrei rendevano
questa stella come Occhio di Dio". Nella
astrologia Babilonese questa stella era
Ku/I-Ku/I-Ku-u - la Stella
a capo delle
Stelle - perchè segnalava il fiduciario".
Aldebaran dona molte qualità di comando,
come "una straordinaria energia,
intelligenza ed eloquenza, risolutezza ed
integrità
, popolarità, coraggio e ferocia",
conducendo a
posizioni riconosciute e
di comando e ad onori pubblici", tuttavia
"i suoi benefici raramente risultano
duraturi
e c'è anche pericolo di violenza e di
malattia" poichè "essa provoca nemici".
E' stato osservato che Aldebaran si oppose
ad un'altra stella guerriera come Antares
-
su un
asse zodiacale ideologico-religioso
come quello Gemelli-Sagittario - intorno
alla fine del 1200 d.c., "proprio verso
l'ottava Crociata Cristiana contro l'Islam,
un interessante indicatore di conflitto
tra due scuole di pensiero mondiali" (tanto
per spaventarvi, anche nel 1966 tali stelle
erano in conflitto lungo quest'asse,ergo...).

CASTOR congiunta alla cuspide della
V
Casa (significatrice dei figli e delle
opere
artistiche del nativo, degli amori senza
vincolo legale, del godimento dei piaceri,
delle speculazioni e dei giochi, e
dell'esibizione ed insegnamento) intorno
a
19° del Cancro. Magnitudine: 1.5
Natura:
Mercurio
Castore, la prima stella della costellazione
dei Gemelli o Alpha Gemini, è una stella
binaria bianco pallida e bianco brillante
posta nel piede del gemello occidentale o
settentrionale, quello mortale,"
famoso per
il suo talento nell'addomesticare i cavalli",
l'altro Gemello, quello immortale, essendo
Polluce. Nell'antica Roma Castor era un
"Dioscuro", in India il "Cavaliere" oppure
Apollo, così come Apollo (con molte
varianti:Aphellon/Aphellar/Avellar/Anelar)
era chiamato nel tardo periodo Greco.
I Gemelli sono associati dai kabbalisti alla
lettera ebraica Qoph ed al Tarocco numero
19 - "Il Sole". Stella ambigua e bifronte
Castor è associata con falsità e duplicità"
ed "ovunque è stata un presagio di danno
e violenza", infatti dà distinzione,
acuto
intelletto, successo nel campo legale e
molti viaggi, amore per i cavalli, fama
ed onore immediati ma spesso seguiti da
perdita di fortuna e disgrazia, malattia,
problemi e grande afflizione". Nonostante
possa "comportare modi raffinati","i suoi
nativi sono detti essere falsi e inclini
alla
violenza". "Castore è anche nota in
astrologia natale per inclinare a
crolli
mentali
e angoscie nevrotiche. Le persone
con questa stella prominente e ben
aspettata sono eccezionalmente dotati
intellettualmente. Dove questi geni
spesso
abbisognano di aiuto è nel non portare la
loro preoccupazione per gli altri
oltre il
limite".

ADARA congiunta alla cuspide della V
Casa
(vedi sopra) intorno a 19° del
Cancro.
Magnitudine: 1.5 Natura: Venere
Epsilon Canis Major è una doppia stella
arancione e viola sulla zampa
posteriore del
Cane nella costellazione omonima. "Il nome
arabo per Adhara è Al-'Adhara, che si
traduce come Le Fanciulle". La costellazione
del Cane Maggiore "è detta dare buone
qualità, carità e cuore fedele, ma violente
e pericolose passioni,
e c'è qualche pericolo,
o paura, per via
del buio e della notte".
Pur non avendo tramandato conoscenze
specifiche sui suoi
influssi, la tradizione
astrologica la classifica come stella
venusiana, con i significati che ne
conseguono. Non di meno, se analizziamo
l'etimologia del suo nome e le analogie
dello stesso in varie lingue otterremo
preziosi spunti di
chiarificazione. Infatti
"Adara viene dal termine ebraico Hadar"
coi significati di adornato/caro/
adulazione/onorare ed altri, ("Tu devi
onorare (HADAR) la presenza del sapiente,
così come devi
avere timore del tuo Dio"
Levitico 19:32)
mentre "prossimo ad esso è
[
Gh]athara - corona di donna". "Heder è
splendido
od
ornamento, così come Eder
vale per stupendo in Basco, una lingua che
non ha nessuna affinità conosciuta".
"
Hadur significa glorificare o adornare"
mentre "
Ader inferisce nobiltà e
rispettabilità". "I termini inglesi Dear
(caro),
Darling (prediletto) e altri termini di
affettazione significano meritevole di
ammirazione
e sono anch'essi collegati ad
Ader". Se poi guardiamo all'analisi
etimologica (io
direi una sua lettura
"sub-limen
coscientiae verbis") della
parola-verbo Adorare (in inglese to-Adore),
si vede che,
"Omettendo di vedere il nesso
che
esiste tra adorazione e adulazione, i
dizionari ancora meno probabilmente furono
(in grado) di arricchire questa loro
etimologia con il termine ebraico HDR che
connota insieme stima e
abbellimento
(concentrandoci sul primo elemento di HDR
- hod - esso significa
gloria e splendore, e
Hoda (lodare) è la radice di Ode). Invece,
per (to)-Adore i testi ci rendono ad- (la
preposizione
latina "a") più oris (bocca) e
bisogna stare attenti a non scambiare la
natura di tributo con il semplice
chiacchierare". A riprova delle indicazioni
etimologiche esposte, desunte sempre dal
citato sito web sulle stelle fisse, posso
aggiungere che, se
si accetta l'idea che la
casa V rappresenti
le realizzazioni
artistiche
del soggetto,
questa mia
configurazione ben si riflette
nelle opere
che creo, il cui minimo comune
denominatore è senza dubbio la
decorazione argentea e l'ornamento.

Castor e Adara sono stelle differenti ma
insistono sullo stesso punto del tema e
vanno quindi contemperate nei significati
e presagi.

DUBHE congiunta alla cuspide della
VI
Casa (significatrice del lavoro umile e
forzato, dei malanni più leggeri, degli
animali domestici, e dei dipendenti,
allievi e adepti del soggetto) intorno a 15°
del Leone. Magnitudine:
2.0
Natura:
Mercurio-Venere o Marte
Questa stella - Alpha Ursa Major - è "una
stella gialla (posta) sulla schiena dell'Orsa
Maggiore." "Dubb, più genericamente
Dubhe, l'Orso, è l'abbreviazione dell'Arabo
Thahr al Dubb al Akbar, la
Schiena
dell'Orso Maggiore. Al Biruni disse che
essa era la (stella) Indù Kratu (nato dalla
mano di Brahma), uno dei sette Rishi o
Saggi. Qualcuno ha asserito che
nell'astronomia egizia essa era Ak -
l'Occhio". "Come simbolo di una divinità
egizia essa era Bast Isis e Taurt Isis".
Dubhe "e Beta (Merak) erano i Custodi o
Indicatori, al limite del catino concavo
dell'Orsa Maggiore;
una linea estendentesi
tra queste due stelle dirigerà
l'osservatore a Polaris, la stella Polare
".
"I Cinesi la conoscevano come Tien Choo,
il Cardine del Cielo". La costellazione
dell'Orsa Maggiore "è detta dare una natura
quieta, prudente, sospettosa, diffidente,
controllata, paziente, ma uno spirito non
facile e grande collera se provocati. Dai
kabbalisti è associata con la lettera ebraica
Zain e all'arcano maggiore dei Tarocchi nr.
7 - Il Carro", sinonimo di trionfo,
nuova
vita, conseguimento, governo degli
opposti
, superamento di ostacoli, viaggio,
direzione ferma, sentiero giusto e di tutti
i
contrari di questi stessi attributi. Circa
Dubhe, non vi sono molti studi su questa
stella (sarebbe il caso di guardare alla
bibliografia che ogni scheda del sito riporta,
a patto di riuscire a scovare dei libri così
introvabili), ma Ebertin si esprime con
queste parole:
"accreditata della
distruttività di Marte, ha effetto
particolarmente in mappe (di persone)
mondane (poco evolute, terra-terra),
in un
modo pericoloso se
congiunta a Saturno.
Congiunta al Saturno
di Hitler, alla Luna di
Mao Tse Tung's."

DENEBOLA congiunta a Plutone
(significatore dell'inconscio collettivo e
delle energie occulte ed istintive) in VI
Casa
 
(vedi sopra) intorno a 21° della
Vergine. Magnitudine:
2.2
Natura:
Saturno-Venere / Urano-Marte
Denebola è "una stella blu posta alla fine
della coda del Leone", nella costellazione
omonima (Beta Leo). L'antico nome era
l'arabo "Al Dhanab al Asad, appunto la
coda del leone", ed "essa segna il 10°
mansil arabo, Al Sarfah - Il Trasformatore"
(infatti "porta anche cambiamenti politici e
trasformazioni sociali"). Altri antichi suoi
nomi sono Mutatrix, Lamash - il colosso,
Samu o Widhu - l'ardente, mentre con
Arturo, Spica e Cor Caroli "costituisce il
celebre Diamante della Vergine". Circa i
presagi, la costellazione del Leone è
associata dai Cabalisti alla lettera ebraica
Kaph e all'arcano maggiore dei Tarocchi nr.
11 - La Forza, che simboleggia la forza
spirituale e della volontà, l'applicazione
dell'intelligenza sulla materia attraverso
la persuasione della parola e la tecnica, ma
anche la lotta e la violenza, la collera e la
volontà autodistruttrice. Passando alla
stella in questione, Ebertin scrive che "in
funzione della posizione ed aspetto con le
altre stelle nella carta personale,
sia
preferenza sia caduta sono accreditate a
questa stella" (a tal proposito, faccio
notare come questa mia riceva sia una
debole opposizione da Markab più Saturno
e quadrature dalle stelle situate nei
Gemelli - Bellatrix e Capella, sia però due
sestili, da Adara e, più largo, da Agena,
queste ultime oltretutto benefiche). E
continua dicendo che "malmessa nel tema,
con Mercurio o Urano (e altri pianeti della
sfera psichica, aggiungo io),
disturbi
mentali - e quelli più incurabili - sono
indicati. Buoni aspetti comunque,
favoriranno un lavoro connesso con
questioni di riforma e progresso". Il
Robson nota invece che essa "fa i suoi
nativi  nobili, audaci (seppur) controllati,
generosi e occupati dai problemi altrui"
e "di giudizio svelto", ma dà anche
"disperazione, disonore pubblico" e
"felicità che si trasforma in collera".

COR CAROLI congiunta ad
Urano
(significatore delle riforme e rivoluzioni e
di chi le compie, dei
mutamenti improvvisi
ed inaspettati, della genialità, degli
squilibri psichici e della crudeltà, e delle
scienze e tecnologie
d'avanguardia) in VI
Casa
  (vedi sopra) intorno a 24° della
Vergine. Magnitudine
2.9
Natura:
Luna-Venere
Questa stella doppia, bianco latte e lillà
pallido, è la prima della costellazione
rappresentata dai due segugi da caccia di
Bootes - Il Mandriano/Pastore/Aratore -
e quindi, astronomicamente, è detta Alpha
Canes Venatici. "L'inusuale illustrazione
della costellazione, Canes Venatici, è
(quella) di due Greyhounds tenuti da un
guinzaglio nella mano di Bootes
, mentre
sta guidando gli Orsi (Orsa Maggiore e Orsa
Minore) intorno alla stella Polare, Polaris".
Cor Caroli segna "il collare del cane più in
basso, quello chiamato Chara, che significa
Cara...al cuore del suo maestro." Questa
stella deve il suo nome attuale ad Halley,
astronomo reale alla corte di Carlo II e in
onore di quest'ultimo fu così chiamata.
Nessun presagio particolare è attribuito ad
essa, mentre la sua costellazione di
appartenenza "dona un
amore per la caccia
e una mente penetrante, facendo quelli
nati sotto di essa (la sua influenza), fedeli,
acuti/accaniti, intelligenti e
amanti della
speculazione
(intellettuale)".

ACRUX congiunta alla cuspide della
VIII
Casa (significante il mondo onirico e le
visioni del soggetto, la sessualità e
l'alchimia delle forze energetiche, le
crisi
psicologiche e la morte,i beni ereditari o
beneficiati, l'occultismo) intorno a 12°
dello Scorpione. Magnitudine:
0.7
Natura:
Giove
Acrux  "è probabilmente una parola coniata
da Alpha Crucis" poichè questa tripla stella
- Alpha Crux - è la prima e più brillante
stella nella Croce del Sud ed è posta alla
sua base. La costellazione della Croce "è
detta dare perseveranza ma molti pesi,
prove e responsabilita, insieme a tanta
sofferenza e molte avversità". "La Croce
denota una forte influenza spirituale. Essa
indica la volontà di accettare il sacrificio e
dona forza d'animo nel dispiacere";"dà
scelte che
portano speranze e paure, e
insegna a
discriminare. C'è spesso una
ferita
emozionale o psicologica perdurante,
o
ferite per incidenti. Ci possono essere
talenti o poteri nascosti i quali per essere
sfruttati richiedono di cessare qualcosa o
di
lasciare andare qualcosa. Quanto alla sua
stella principale, Alpha, essa dona "una
natura profondamente religiosa
connessa con interessi mistici e teosofici,
una comprensione della natura interiore
dell'uomo, intuizione e
saggio giudizio, e il
dono dell'indagine riuscita del
lato nascosto
delle cose". "Associata con l'amore
dell'esibizione", Acrux dota di "vantaggi
provenienti dalla religione, gusto del
cerimoniale, giustizia, magia e mistero, ed
è frequentemente prominente negli oroscopi
di astrologi ed occultisti".

MIMOSA congiunta alla cuspide della
VIII
Casa (vedi sopra) intorno a 12° dello
Scorpione. Magnitudine: 1.2 var.
Natura:
Venere-Giove
Mimosa, dagli astronomi detta Beta Crux,
è una stella posta sulla trave orizzontale
della (costellazione) Croce del Sud. Il suo
nome di pianta deriva "dal Latino mimus -
imitare, o mimo". "C'è poca interpretazione
astrologica associata con questa ampia
stella nella Croce, perchè la Croce era
sconosciuta agli antichi con il titolo attuale"
ed era vista piuttosto "come parte del
Centauro", tuttavia essa dovrebbe avere
natura benefica.

ALPHECCA
 congiunta alla cuspide della
VIII Casa (vedi sopra) intorno a 12° dello
Scorpione. Magnitudine:
2.3
Natura:
Venere-Mercurio
Prima stella della Corona del Nord,
Alpha
Corona Borealis è una stella bianca e
brillante posta sul nodo formato del nastro
della ghirlanda di boccioli e fiori mostrata
nei primi disegni della Corona stessa. Il
nome arabo per Alphecca è Al-Fakkah -
l'anello di stelle finito. "Stella centrale delle
sette più brillanti del gruppo", essa è stata
pure chiamata Gemma (Coronae)
, e
Margarita Coronae - la Perla della Corona.
La Corona Boreale comporta "amore per i
fiori, languore, e disinganno", ma spinge i
suoi nativi a posizioni di comando", infatti
dai cabalisti "viene associata alla lettera
ebraica Daleth ed all'arcano maggiore dei
tarocchi numero 4 - L'Imperatore",
simbolo
di autorità e protezione. Essa
tuttavia,
presagisce una
propensione per il piacere
che può anche determinare malattia,
disonore e imprigionamento. "Alphecca",
dal canto suo, "è nota per portare onore
e
dignità". "Per via delle sue proprietà
Venusiane-Mercuriane è accreditata di una
relazione con letteratura, arte scienza,
coi talenti artistici e anche con il
successo
in affari e commercio
". Nel contempo,
l'effetto indesiderabile di questa stella
può essere anche la vita edonistica di "un
individuo occupato segretamente in affari
d'amore o adulterio" e con una
ambigua
sessualità.

KIFFA AUSTRALIS
congiunta a Ketu o
Nodo Lunare Sud/Discendente [punto
fittizio detto in greco katabibazon e in
latino deprimens/deducens - col senso
di far calare, ricondurre - significante
la
degradazione, l'infortunio, la povertà,
e tutta quella serie di eventi, persone ed
esperienze che portano al
distacco dal
mondo e ad interessi metafisici, a poteri
psichici e discriminazione yogica, e alla
spiritualità; infatti, Ketu, è anche detto
dagli Indù Moksha karaka - significatore
della realizzazione spirituale, intesa come
fine del dolore, pace e serenità proprie
della liberazione o nirvana; la natura di
questo nodo è diminutiva, giacché quando
è con le stelle benefiche ne diminuisce la
fortuna, ma quando è con i malefici ne
sminuisce la malignità; oggi i Nodi sono
valutati anche nell’astrologia tradizionale
e il loro significato è legato
all’evoluzione
individuale
: il termine “Nodo” d’altra parte
si riferisce a qualcosa che deve essere
“sciolto” o superato] intorno a 14° dello
Scorpione. Magnitudine:
2.9
Natura:
Saturno-Marte/Venere/Mercurio
Questa stella, anche detta Zuben Elgenubi,
è una doppia stella gialla e grigia posta
nella chela meridionale dello Scorpione,
poichè "gli antichi greci non associavano le
stelle della costellazione Bilancia con una
bilancia, per essi erano Chelae -
Le Chele
dello Scorpione
". Per noi moderni, invece
essa è
Alpha Libra, cioè "la bilancia (il
piatto) 
meridionale di Libra - La Bilancia.
Per questo in arabo era anche detta
Al Kiffah al JanubiyyahIl Vassoio del Sud
della Bilancia, dal quale viene l'arabo-latino
Kiffa Australis in uso, e un altro suo nome
era South Scale - il piatto (di bilancia)
del Sud. Questa stella era la stella che
determinava "la 21ma costellazione
eclittica Babilonese Nura-Sha-ShutuLa
Luce del Sud." Dai Kabbalisti "La Bilancia
veniva associata alla lettera ebraica
Heth
ed all'arcano maggiore dei Tarocchi numero
8 - La Giustizia", che ha a che fare con i
concetti di ordine, equilibrio, legge, buona
amministrazione, e accordo, e con i relativi
contrari. La svantaggiosa influenza della
Kiffa Australe, che "causa cattiveria,
ostruzione, un carattere implacabile,
violenza, malattiabugie, crimine,
disgrazia, e pericolo di avvelenamento" e
"in relazione con l'acqua", "è detta essere
rilevante specialmente se il nativo è nato
durante la notte". Questa stella può anche
significare "un'ascesa nella sorte
seguita
da un tracollo". Il credito dato alla Kiffa
Australe e a quella Boreale deriva dal fatto
"che entrambe concedono un
nome
immortale
, per quanto, questo avviene più
per circostanze tragiche che per un ben
riconosciuto successo".

ANTARES
congiunta alla cuspide della IX
Casa
(casa personale significante gli studi
superiori e l'immaginazione, le aspirazioni
ideali
 e l'evoluzione
spirituale del soggetto,
i lunghi viaggi e i rapporti con
l'estero, la
filosofia, la religione e l'esoterismo,
il
clero, i poteri economici e la politica,
)
intorno
a 9° del Sagittario, nono segno :-).
Magnitudine: 0.9 var.
Natura: Marte-Giove
Antares, la prima stella dello Scorpione,
cioè Alpha Scorpius, "è una stella binaria
rosso fuoco e verde smeraldo, prossima al
centro della costellazione dello Scorpione
e certe volte era chiamata
Il Cuore dello
Scorpione
", in arabo 
Kalb al 'Akrab, in
latino
Cor Scorpionis, in greco
Kardia
Skorpiou. "Una sua traduzione è anche
Anti-Ares, che significa Rivale di Marte".
Essa "è una delle quattro stelle chiave nel
Cielo, anche dette stelle Arcangelo", e
precisamente "Oriel
L'Osservatore
dell'Ovest." Altri suoi nomi astrologici più
antichi sono Dar Lugal - Il Re, identificato
con Il Dio del Fulmine, La Stella del Fuoco,
in Cina, e Antar, l'equivalente arabo di
Illuminato/Irradiato. Gli Indù, infine, la
ponevano nella "loro 16°ma
nakshatra
(dimora lunare) detta Jyestha -
Il più
Antico." "Lo Scorpione è associato dai
Kabbalisti con la lettera ebraica Oin e con
l'arcano maggiore dei Tarocchi nr. 16 -
La
Torre colpita dal Fulmine", simbolo della
distruzione dei vecchi schemi che rende
propizia la costruzione di altri nuovi e
dell'Illuminazione della coscienza. Per i
suoi valori Marziani, "Antares determina
individui forti, duri e combattivi. Questa
è una stella importante per i militari ed è
detta trasmettere vigilanza mentale,
abilità strategica e coraggio, e rendere
scavezzacollo". E
ssa causa "distruttività,
liberalità, tolleranza, cattivi presagi e
pericolo di fatalità" (infatti "è accreditata
di significare una morte violenta in
battaglia o
mediante processo legale) "e
fa i suoi nativi avventati, voraci, testardi."
Antares "è anche detta essere sfortunata
per gli occhi" e "in relazione al fuoco".

SABIK
in congiunzione con il Sole
(significante la vitalità e la
brillantezza
intellettuale del soggetto, tutto ciò che va
sotto il nome di "ego", cioè i tratti propri
della sua natura innata, come le
qualità
e i difetti del carattere, le
predisposizioni
ed i talenti, ma anche ciò che lega l'Io
al Sè universale, cioè il senso dell'
autorità
e la religione) intorno a 18° del Sagittario.
Magnitudine:
2.6
Natura:
Venere-Saturno/Giove
Sabik, astronomicamente detta
Eta
Ophiuchus, è "una stella (posta) sul
ginocchio sinistro del portatore di serpente
Ofiuco" (o Serpentario). Con zeta (Han)
essa condivideva il titolo Sabik o As-Sabiq
- Colui che precede." La costellazione
dell'Ofiuco "è detta dare una
natura
appassionataciecamente benevola,
sprecona, e facilmente sedotta, assieme a
poca felicità, pericoli non visti, inimicizia,
conflitto, e calunnia o maldicenza. Essa è
stata anche chiamata Aesculapius e
ritenuta governare la medicina", mentre
"dai Kabalisti è legata alla lettera ebraica
Oin e all'arcano nr.16 - La
Torre colpita dal
F
ulmine" (vedi sopra). La stella in questione
invece, secondo il Robson, causa spreco,
energie perse, una morale
pervertita o
travisata
e il successo nelle malefatte."
Nonostante Sabik sia congiunta con il mio
luminare, l'ho voluta mettere assieme alle
stelle minori poichè è una stella di terza
grandezza e poco studiata dagli astrologi,
i cui influssi quindi, sono abbastanza incerti.

SARGAS
congiunta con Venere (significante
i sentimenti amorosi e la sensibilità del
soggetto - le amate, se maschio, e i tratti
del matrimonio, in generale - ma anche
i talenti artistici e l'estetismo) intorno a
25° del Sagittario. Magnitudine:
2.0
Natura:
Saturno-Venere
Sargas, o Theta Scorpius, "è una stella
rossa nella coda dello Scorpione", nel gruppo
di stelle omonimo. Come già detto, il gruppo
dello Scorpione è associato con l'arcano
maggiore dei Tarocchi, la Torre. Sulla stella
Sargas in particolare il sito Web non riporta
informazioni, quindi essa resta un mistero,
pur appartenendo a una costellazione molto
conosciuta e studiata e da cui, peraltro,
dovrebbe derivare la simbologia.

DHENEB congiunta alla cuspide della
XI
Casa (casa sociale significante i
veri amici
e gli aiuti influenti nella vita del soggetto,
la sua popolarità, le riforme sociali ed il
progresso, i progetti e le collaborazioni,
gli investimenti fruttuosi e l'arricchimento)
intorno a 19° del Capricorno.
Magnitudine: 2.0 Natura: Marte-Giove
Dheneb, ultima stella della costellazione
dell'Aquila (Zeta Aquila), "è (il titolo) arabo
per indicare La Coda" dello stesso animale.
La costellazione Aquila "è detta donare
grande immaginazione, forti passioni,
volontà indomita, un
carattere dominante
e influenza sugli altri, chiaroveggenza, una
acuta mente penetrante e abilità nelle
ricerche chimiche". Dai Kabalisti è associata
"con la lettera ebraica Vau e con l'arcano
maggiore dei Tarocchi nr. 6 - Gli Amanti"
simboleggiante la fermezza della
volontà
ed il libero arbitrio. Quanto a Dheneb, essa
abilità di comando, liberalità, successo
in guerra ed arti marziali e beneficenza".

ALNAIR
congiunta alla cuspide della XII
Casa (casa occulta significante le prove e
i dolori della vita, le malattie gravi e
croniche, i falsi amici e i nemici segreti,
i ricordi, la solitudine e la meditazione,
la calunnia e la perdita della libertà fisica
o morale) intorno al 15° dell'Acquario.
Magnitudine: 2.2  Natura: ???
Prima stella della costellazione della Gru -
o Alpha Grus - Alnair di-segna il corpo del
medesimo animale all'interno del gruppo
di stelle omonimo. "Il nome arabo di questa
stella è An-Nayyir - La Brillante" (The bright
one) sottintendendo però il resto del nome,
cioè [La Brillante] della Coda del Pesce, "un
ovvio riferimento alla sua precedente
associazione con (la costellazione)
Piscis
Austrinus nell'astronomia Araba". Il sito non
riporta conoscenze specifiche sulla stella in
questione, bensì ci illumina sulla genesi
stessa delle conoscenze astrologiche, che
partendo dall'individuazione nel Cielo di una
forma "antropomorfa" (nel senso però di:
riconoscibile dall'uomo), collegano il gruppo
di stelle indviduato con le caratteristiche
precipue del (s)oggetto stesso, desunte
dalla osservazione dello stesso in natura o
nell'uso quotidiano o derivate dai miti cui
partecipa. Così, possiamo vedere come dallo
studio dell'animale Gru gli antichi avessero
desunto che......"Le Gru sono dei grandi,
splendidi, aggraziati, longevi, lenti uccelli
migratori. Essi sono accreditati di
grande
diligenza, intelligenza e vigilanza," e "si
riporta facciano la sentinella mentre dormono.
Sono detti accoppiarsi per tutta la vita e
perciò un simbolo di amore devoto". "Le
lettere dell'alfabeto Greco derivano dai miti
sulle gru" e "la gru era usata come un
simbolo dell'astronomo dagli antichi egizi".
Per questi motivi la costellazione della Gru
è indicata trasmettere "una natura riservata,
attiva, orgogliosa, vigile, gentile,
idealistica
e devota, con un legame con l'astronomia".


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. astrologia stelle fisse me

permalink | inviato da il 4/3/2007 alle 17:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (8) | Versione per la stampa
sfoglia     gennaio        marzo
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Riflessioni
Barzellette
Songs
Citazioni
Post-i a fondamento

VAI A VEDERE

Stelle Fisse
Nostradamus (scritti)
The Osho Experience
Federazione di Damanhur
La Verità di Cristo (salvo errori umani)
L' Italia dei cognomi
Astrologia classica
Io su Flickr
Io su MySpace


Regole del Blog
passibili di modifica in corso d'opera:
1°) Questo è un blog
libero, a differenza di
altri, chiusi, settari,
omologati o adialogici
2°) Tuttavia, qualsiasi
commento calunnioso o
minaccioso verso la mia
persona verrà rimosso dal
blog, perchè il male, come
il bene, è anche imitativo
3°) vacatio legis
(in riscrittura).
4°) i post senza possibilità di commenti sono temporanei


  

  • Ho visto:
    L'Ultima Tempesta di
    Peter Greenaway
  • Ho sentito:
    l'ombra della luce
    di Franco Battiato
  • Ho mangiato:
    Il tartufo bianco d'Alba
  • Ho toccato:
    L'acqua
  • Ho bevuto:
    Il Barbaresco
  • Ho visitato:
    Assisi all'alba di un
    giorno di primavera
    sotto voli di rondini
  • Ho digerito:
    Osho
  • Ho appreso:
    Aivanhov
  • Ho letto:
    La leggibilità del mondo
    di Hans Blumenberg
  • e allora?
  • Sto leggendo:
    I fenomeni della realtà
  • Sto disegnando:
    dei disegni


Klimt


Tancredi Parmeggiani


Crippa


Mondino


una mia opera


"Un uomo è tanto più grande
quanto più universo ha in sé;
un quadro è tanto più grande
quanto più universo ha in sé"

       Tancredi (Parmeggiani)


    Locations of visitors to this page



Come può vedere anche un
bimbo      se      guarda      il
calendario  dei post  questo
blog    non rappresenta  una
testata      giornalistica      in
quanto    viene    aggiornato
senza     alcuna  periodicità.
Non           può         pertanto
considerarsi   un     prodotto
editoriale    ai   sensi    della
legge  n. 62  del   7.03.2001

CERCA